In risposta all’articolo del Maestro Paolo Isotta

pubblicato sul Fatto Quotidiano sabato 11 gennaio 2020

di Luca Bianchini e Anna Trombetta, musicologi

La biografia mozartiana, forse la più scandagliata e studiata al mondo, suscita da quasi due secoli interesse e curiosità. Nel corso degli anni s’è arricchita di una serie di aneddoti e di storielle che rasentano il miracoloso e che tanto piacciono al pubblico di esperti e non. La narrazione del bambino prodigio, del genio, affascina, fa sognare, suscita speranze di emulazione, tanto che ormai è quasi diventato superfluo per molti chiedersi se quei fatti, venduti come verità storiche, siano realmente successi.
Se il compito di un quotidiano come il Fatto è quello di informare i lettori e non solo di divertirli con favole inventate, allora dovrà tenere in considerazione proprio i fatti.
Le biografie vanno di tanto in tanto riviste e aggiornate perché le conoscenze non sono blocchi di granito immutabili. Per fortuna gli studi proseguono e le nuove pubblicazioni svelano, documenti alla mano, elementi prima ignorati.

Nell’articolo “C’era una volta la Musica, Quando l’Italia educava Mozart”, a firma del Maestro Paolo Isotta, ci sono una serie di inesattezze e di notizie passate per vere anche se ormai i musicologi più aggiornati in Italia e quelli d’Oltralpe le considerano invenzioni ottocentesche.

Vogliamo segnalarne alcune.

1. Il viaggio in Italia non fu per Mozart un Tour “di formazione”, ma un viaggio della speranza perché il padre Leopold non era spinto dal desiderio di conoscenza e di avventura, ma dalla volontà di trovare una nuova sistemazione per lui e per Wolfgang. Era sceso in Italia alla ricerca di un ingaggio, oltre che per mostrare le abilità del figlio e raggranellare un gruzzoletto per la famiglia. Questo suo comportamento sarà decisamente stigmatizzato dall’imperatrice Maria Teresa d’Austria che in una lettera diffiderà il figlio Ferdinando, governatore di Milano dal 1771, dall’assumere i Mozart perché “gente inutile”, dei “pezzenti che squalificano il servizio.”

2. Riguardo al famoso Miserere di Gregorio Allegri che, per inciso non risulta essere musica sacra tardo-barocca come suggerisce l’articolo, ma in stile palestriniano a cappella, non è stato trascritto a memoria da Mozart perché per tutta Roma a quell’epoca circolavano già copie di quel brano e si potevano facilmente acquistare. A quell’invenzione di Leopold non ci ha creduto neppure Köchel che stilò il catalogo delle opere mozartiane pubblicato nel 1862, il quale non ha mai inserito il Miserere anche solo in appendice tra le musiche perdute e copiate da altri autori. Non ci ha creduto tantomeno NMA, l’edizione critica delle opere di Mozart pubblicata a partire dal 1954 dalla casa editrice Bärenreiter, che vorrebbe essere la base scientifica per musicisti e studiosi che si approcciano a Mozart. Ne parliamo diffusamente nel libro Mozart La caduta degli dei – Parte prima, Youcanprint, Tricase 2016.

3. Sono pure inventate la faccenda della scomunica papale per chi avesse copiato il Miserere e la storia dello Speron d’oro che Isotta cita a corollario di questa tesi. Quel medaglione era ai tempi di Mozart un titolo patacca senza alcun valore, che aveva ricevuto anche Casanova. Quando il messo papale glielo consegnò, Casanova era emozionatissimo per il titolo di cavaliere, ma il compagno di stanza gli disse che ce l’aveva pure lui, dispiacendosi però d’averlo dovuto pagare. Mozart non firmerà più con “von” davanti al cognome, perché gli avevano detto che è segno di distinzione più il non portare quel gingillo che tenerlo appeso al collo.

4. A proposito del “primo prodigio compositivo di Mozart quale autore drammatico: il Mitridate re di Ponto”, Isotta può dimostrare che la versione dell’opera che si ascolta oggi l’ha scritta Mozart? Le poche Arie e i frammenti autografi del Mitridate, gli unici sopravvissuti e composti da Wolfgang, sono scorretti, per voci diverse da quelle che troviamo nel dramma andato in scena a Milano il 26 dicembre 1770. Sono musiche scartate, perché la gestazione dell’opera è stata assai più problematica di quello che s’evince dall’articolo sul Fatto e c’era chi dubitava allora che non fosse stato il ragazzo ad aver scritto il Mitridate. Che fine hanno fatto queste obiettive criticità nell’articolo del Fatto? In un’Aria contestata del Mitridate che Wolfgang ha composto di suo pugno, ma che non ha mai visto la luce sul palcoscenico, ci sono 5 quinte parallele consecutive. Paolo Isotta ne è al corrente? In un’altra le sillabe -gli e -gna sono divise in due: “g-na” e “g-li”, tanto per fare degli esempi. Questa sarebbe l’“aderenza alla parola poetica italiana” che ci vede il musicologo Isotta? E poi per precisione musicologica il librettista del Mitridate re di Ponto di Mozart K.87 non è Giuseppe Parini, come scrive il Maestro Isotta, ma il poeta torinese Vittorio Amedeo Cigna-Santi. Paisiello, e tutta la lunga schiera dei compositori italiani dell’epoca non hanno avuto nulla da imparare da Mozart e dal suo passaggio nel Bel Paese.

5. Una smentita merita anche la frase: Mozart divenne membro dell’Accademia Filarmonica “dopo aver preso lezioni dal più grande contrappuntista vivente, il francescano Giovanni Battista Martini” perché non c’è prova che Mozart sia stato allievo di Padre Martini a Bologna. Quali sono le fonti consultate dal prof. Isotta? Se si riferisce a Hermann Abert possiamo avvisarlo che le tesi del musicologo tedesco, risalenti agli inizi del secolo scorso, sono tutte smentite da studi recenti. I pezzi sacri mozartiani che Abert considerava la prova dell’insegnamento del francescano non sono più attribuibili a Mozart. Non li ha scritti il prodigio di Salisburgo, ma altri autori. Ne parliamo anche noi in Mozart la caduta degli dei.

6. È falso che “Il santo sacerdote prese di soppiatto il compito del ragazzo prima di esibirlo alla commissione e corresse di suo pugno alcuni errori di contrappunto”. Qui invece la fonte attendibile è lo storico della musica e compositore Gaetano Gaspari che a metà Ottocento si accorse che a Bologna esistono due diverse versioni del compito di esame di Mozart, l’Antifona Quaerite primum regnum Dei K.86. Wolfgang per passare la prova aveva consegnato alla commissione la versione scritta da Padre Martini e non la sua. L’esame fu un’autentica truffa. Paolo Isotta potrebbe farci vedere, manoscritti alla mano, dove starebbero le correzioni di Padre Martini?

7. Wolfgang era chiamato “Orfeo tedesco”, così chiude l’articolo del Fatto. Certo, lo si dice sulla base di poesie raccolte da Leopold, manomesse e forzatamente dedicate al figlio. Questa cosa la spieghiamo in Mozart La costruzione di un genio, Youcanprint, Tricase 2019.

8. Quando Mozart morì all’età di “35 anni la sua fama” non divenne “universale”, come dice Isotta, riproponendo uno stracco luogo comune. Allora Wolfgang era pressoché sconosciuto persino a Salisburgo. La biografia mozartiana a nome di Nissen, secondo marito di Constanze Mozart, uscita circa quarant’anni dopo la morte di Wolfgang, riuscì a vendere poche copie a Vienna. Il disinteresse per lui era totale. Constanze ci perse per quell’affare più di 1000 zecchini.

9. Conclusione: Un articolo è divulgativo se pur non essendo rigorosamente scientifico diffonde almeno notizie vere, e non frutto riciclato di fantasie ottocentesche. In occasione delle celebrazioni del viaggio di Mozart in Italia andrebbero ricordati i fatti verificabili e non le tante storielle per le quali è arrivata forse l’ora di dire basta. Quando Mozart superò i vent’anni gli venne consigliato di tornare a Napoli a studiare perché ancora non era pronto. Questi fatti, come molti dei fatti che quotidianamente accadono, forse spiacciono a chi si bea di sogni, ma vanno tenuti in giusta considerazione e andrebbero portati all’attenzione dei lettori ogni qualvolta si parla di Mozart. 

Luca Bianchini
Anna Trombetta

Mozart tedesco, austriaco o nessuna delle due?

Mozart il patriota

La questione che più  stuzzicò i nazisti a metà del secolo scorso fu quella della nazionalità di Mozart. Si chiedevano se fosse austriaco o tedesco, come fanno ancor oggi molti appassionati di musica su internet, nei forum, nei blog. Pare tuttavia che la faccenda non si sia ancora risolta, nè a favore di chi sostiene la prima ipotesi e neppure a vantaggio del partito avverso. C’è chi nel dubbio, aggrappandosi al fatto che Salisburgo era Principato indipendente, sostiene con scarso seguito che Mozart non è nè tedesco nè austriaco.

Musicisti purosangue

Segnaliamo il nuovo articolo su Mozart, stavolta dedicato a Mozart e il patriottismo. L’autore è Luca Bianchini, il quale l’ha pubblicato in https://www.mozartlacadutadeglidei.com/wp/2019/06/06/mozart-il-patriota/

Nel testo si spiega che per i nazisti, fu importante caricare di significati patriottici i personaggi di spicco in ogni campo del sapere. Tra queste celebrità c’era anche Mozart. Nelle stagioni di concerto della Germania nazista, che proponevano musica di Mozart, si sottolineò che Mozart era stato un vero patriota. I critici musicali, nei programmi di sala segnalavano le lettere di Mozart in cui dichiarava l’amore per la Patria. Visto che il materiale si riduce a poche righe, i testi riuscivano alla fine piuttosto noiosi.

Austriaco DOC?

Gli scritti nazisti, scrive Bianchini, erano sistematici a inventare tutti i possibili agganci alla germanicità di Mozart. Si sottolineò il fatto che l’Austria era una semplice appendice della Germania, e che la musica austriaca non esisteva se non come sottospecie di quella tedesca Centro della discordia fu il Festival di Salisburgo, che i nazisti accusarono di essere lo strumento di propaganda nelle mani degli ebrei, e a queste celebrazioni è dedicato il seguito dell’articolo.

Mozart tedesco: quadro d'epoca
Per i nazisti Mozart rappresentò meglio di altri compositori la figua del patriota

Un inno quasi originale

Primo obiettivo dei nazisti fu quello di sostituire il Festival di Salisburgo con una stagione di concerti tutta tedesca. Per contrastare la contropropaganda degli austriaci, organizzarono altre serie di concerti. Nel 1933 la casa editrice Kistner pubblico l’Inno alla Germania di Mozart, che Mozart non ha mai scritto, ma che fu presentata come autentica. Era in pratica musica “semiautentica”.

Mozart il patriota, Bandiera della Germania e dell’Austria
Bandiera della Germania e dell’Austria

La propaganda in azione

La stampa e diffusione capillare del finto inno patriottico mozartiano, questa è la conclusione del musicologo, servì da propaganda popolare per l’annessione dell’Austria alla Germania. E la cosa funzionò, come dimostrano i fatti successivi.

Conclusioni

Il testo completo dell’articolo è pubblicato in
https://www.mozartlacadutadeglidei.com/wp/2019/06/06/mozart-il-patriota/

AMAZON
Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart, La caduta degli dei – parte prima
Mozart, La caduta degli dei – parte seconda

«Le sorprese abbondano, ma ogni affermazione, anche la più inaspettata, appare corredata di note sulle fonti. Ne emerge una conoscenza pressoché totale della saggistica in materia. La biografia di Mozart ha sempre avuto l’aspetto di una favola, e questo lavoro è il più lontano dal leggendario e dall’agiografico che mai sia stato scritto»
(Marcello Piras)

La biografia critica di Mozart sempre Best Seller, TOP 100 Amazon

TOP 100 Amazon #BestSeller
15 agosto 2018
 
Mozart La Caduta degli Dei, Parte prima
Mozart La Caduta degli Dei, Parte seconda
 
La biografia critica di Mozart sempre Best Seller, TOP 100 Amazon al 17° e 21° posto
 

Arcadia, una rivoluzione tutta italiana

L’Arcadia

L’Arcadia è una rivoluzione tutta italiana che rende esclusiva ed elitaria la cultura, dalla poesia alla pittura, dalla letteratura alla musica. Nasce e si sviluppa a Roma in circoli laici che volevano tramandare un approccio più libero, edonistico e indipendente vero l’arte e la cultura in genere, distinguendosi dalla visione cattolica dottrinale.

L’Arcadia accettava anche la donna. Ogni artista rinasce in Arcadia acquisendo un nuovo nome, esprimendo la propria ricerca intellettuale attraverso simboli sconosciuti ai più, ma destinati alla comprensione di pochi eletti.

Sono molti i musicisti che si fecero arcadi: Bernardo Pasquini, Arcangelo Corelli, Alessandro Scarlatti, Metastasio, Alessandro e Benedetto Marcello, Giuseppe Valentini. Ed è proprio in ambiente romano che nascono i #partimenti, una forma di conoscenza esoterica dell’arte musicale.

Nel rapporto maestro-discepolo venivano trasmessi i segreti della composizione, dell’improvvisazione nella musica strumentale e vocale, per creare attraverso formule fatte di note e numeri opere d’ogni genere.

Sembrano aride tavole, un po’ macchinose, ma in realtà racchiudono e schematizzano le conoscenze contrappuntistiche dell’epoca.

Ogni maestro aveva i suoi partimenti, la sintesi del proprio stile musicale e della propria scuola.

Assurdo definire la musica di Pasquini, Corelli, Scarlatti, Valentini, Marcello e dei loro contemporanei barocca. L’Arcadia “archivia per sempre lo stile barocco e marinista, recupera un linguaggio limpido e lineare, nel quale la sintassi si semplifica” (Claudio Giunta), riunendo sotto una unica bandiera letterati, filosofi, artisti, matematici, musicisti in una Repubblica nuova delle lettere e della musica, per eliminare ogni traccia di “cattivo gusto” barocco.

Se per Metastasio l’adesione all’Accademia dell’Arcadia è netta e lo porta a creare una nuova lingua per il melodramma, con sintassi lineare e lessico raffinato, a maggior ragione questo varrà per i musicisti, che vestivano di melodie arcadi i suoi versi.

Anna Trombetta

Per approfondimenti, vedi Luca Bianchini, Anna Trombetta, Mozart la caduta degli dei parte seconda (2017) e Mozart la caduta degli dei parte prima (2016)

novità editoriale

Luca Bianchini, Anna Trombetta, Mozart il flauto magico, (2018)

cinquantunesima multinazionale

“Il pubblico d’Europa come del resto del mondo occidentale, e forse non solo, ha bisogno dei suoi miti rassicuranti: non può svegliarsi improvvisamente e vedere che tutto ciò che ha pensato e costruito per secoli rischia di cadere come un castello di carte”. “Né assieme a tutto questo, può crollare la cinquantunesima multinazionale del mondo”, aggiunse l’Onorevole. (Giampiero Bernardini, L’uomo ombra)

Luchesi, vittima di una truffa

Luchesi, vittima di una truffa
di Giuliano Dal Mas

“Giorgio Taboga si è occupato nel suo «L’assassinio di Mozart» della morte del musicista avvenuta per bastonatura per una storia di corna.
Ma questo insegnante di matematica nativo di Silea non si è limitato a studiare ed esaminare solo la morte di Mozart nei suoi tanti dettagli misteriosi. E’ andato ben oltre. Ha ricostruito la vita di Andrea Luchesi musicista veneto nato a Motta di Livenza nel 1741, riscontrando come dopo la sua iniziale affermazione in terra veneziana e dopo il consolidamento della sua fama in terra tedesca a Bonn, capitale del Principato di Colonia, tra il 1771 ed il 1784, ove fu Kapellmeister e maestro di Beethoven sino al 1794, gradualmente le sue musiche scompaiano e scompaia il suo nome dalla storia della musica” (Giuliano Dal Mas. Luchesi, vittima di una truffa)

Notizie correlate

I musicologi Luca Bianchini e Anna Trombetta si sono occupati di Mozart scrivendo una biografia critica Mozart la caduta degli dei che approfondisce l’argomento. Nel secondo volume s’affronta il problema della morte di Mozart [….]

Nuovo: è appena uscito il volume Mozart il Flauto magico di Bianchini e Trombetta, novità editoriale []

 

Radio Vaticana ha trasmesso la seconda puntata su Mozart e il classicismo viennese

Radio Vaticana

domenica 25 settembre 2016 Radio Vaticana ha trasmesso alle 14.20 la seconda puntata su Mozart e il classicismo viennese che ha visto come protagonisti i musicologi lombardi Luca Bianchini e Anna Trombetta.

Gli studiosi sono stati invitati al programma intitolato L’Arpeggio di Luigi Picardi per parlare del loro libro “Mozart la caduta degli dei”.