Metastasio e Caldara

Trapassi è cognome che nel 1715 Gravina traduce in METASTASIO cioè “cambiamento” (in greco).
#Metastasio #MetastasioOperaDelSettecento #MOS
Pietro Antonio Domenico Bonaventura Trapassi nasce a Roma il 3 gennaio 1698 da Felice Trapassi, ex sottufficiale del reggimento di papa Alessandro VIII, e da Francesca Galastri, originaria di Firenze, o di Bologna, come è riportato in molti libri che riguardano Metastasio.
 
… Metastasio scrisse l’Olimpiade nel 1733 per farla mettere in musica da Antonio Caldara. Il libretto strepitoso fu così affidato a un autore straordinario, oggi celebrato più di Bach, che l’eseguì trionfalmente a Vienna il 28 agosto 1733.
 
(Per approfondimenti visita il sito ufficiale della fondazione Metastasio: http://www.pietrometastasio.com/)
Venezia

La biografia critica di Mozart sempre Best Seller, TOP 100 Amazon

TOP 100 Amazon #BestSeller
15 agosto 2018
 
Mozart La Caduta degli Dei, Parte prima
Mozart La Caduta degli Dei, Parte seconda
 
La biografia critica di Mozart sempre Best Seller, TOP 100 Amazon al 17° e 21° posto
 

Arcadia, una rivoluzione tutta italiana

L’Arcadia

L’Arcadia è una rivoluzione tutta italiana che rende esclusiva ed elitaria la cultura, dalla poesia alla pittura, dalla letteratura alla musica. Nasce e si sviluppa a Roma in circoli laici che volevano tramandare un approccio più libero, edonistico e indipendente vero l’arte e la cultura in genere, distinguendosi dalla visione cattolica dottrinale.

L’Arcadia accettava anche la donna. Ogni artista rinasce in Arcadia acquisendo un nuovo nome, esprimendo la propria ricerca intellettuale attraverso simboli sconosciuti ai più, ma destinati alla comprensione di pochi eletti.

Sono molti i musicisti che si fecero arcadi: Bernardo Pasquini, Arcangelo Corelli, Alessandro Scarlatti, Metastasio, Alessandro e Benedetto Marcello, Giuseppe Valentini. Ed è proprio in ambiente romano che nascono i #partimenti, una forma di conoscenza esoterica dell’arte musicale.

Nel rapporto maestro-discepolo venivano trasmessi i segreti della composizione, dell’improvvisazione nella musica strumentale e vocale, per creare attraverso formule fatte di note e numeri opere d’ogni genere.

Sembrano aride tavole, un po’ macchinose, ma in realtà racchiudono e schematizzano le conoscenze contrappuntistiche dell’epoca.

Ogni maestro aveva i suoi partimenti, la sintesi del proprio stile musicale e della propria scuola.

Assurdo definire la musica di Pasquini, Corelli, Scarlatti, Valentini, Marcello e dei loro contemporanei barocca. L’Arcadia “archivia per sempre lo stile barocco e marinista, recupera un linguaggio limpido e lineare, nel quale la sintassi si semplifica” (Claudio Giunta), riunendo sotto una unica bandiera letterati, filosofi, artisti, matematici, musicisti in una Repubblica nuova delle lettere e della musica, per eliminare ogni traccia di “cattivo gusto” barocco.

Se per Metastasio l’adesione all’Accademia dell’Arcadia è netta e lo porta a creare una nuova lingua per il melodramma, con sintassi lineare e lessico raffinato, a maggior ragione questo varrà per i musicisti, che vestivano di melodie arcadi i suoi versi.

Anna Trombetta

Per approfondimenti, vedi Luca Bianchini, Anna Trombetta, Mozart la caduta degli dei parte seconda (2017) e Mozart la caduta degli dei parte prima (2016)

novità editoriale

Luca Bianchini, Anna Trombetta, Mozart il flauto magico, (2018)

cinquantunesima multinazionale

“Il pubblico d’Europa come del resto del mondo occidentale, e forse non solo, ha bisogno dei suoi miti rassicuranti: non può svegliarsi improvvisamente e vedere che tutto ciò che ha pensato e costruito per secoli rischia di cadere come un castello di carte”. “Né assieme a tutto questo, può crollare la cinquantunesima multinazionale del mondo”, aggiunse l’Onorevole. (Giampiero Bernardini, L’uomo ombra)

Luchesi, vittima di una truffa

Luchesi, vittima di una truffa
di Giuliano Dal Mas

“Giorgio Taboga si è occupato nel suo «L’assassinio di Mozart» della morte del musicista avvenuta per bastonatura per una storia di corna.
Ma questo insegnante di matematica nativo di Silea non si è limitato a studiare ed esaminare solo la morte di Mozart nei suoi tanti dettagli misteriosi. E’ andato ben oltre. Ha ricostruito la vita di Andrea Luchesi musicista veneto nato a Motta di Livenza nel 1741, riscontrando come dopo la sua iniziale affermazione in terra veneziana e dopo il consolidamento della sua fama in terra tedesca a Bonn, capitale del Principato di Colonia, tra il 1771 ed il 1784, ove fu Kapellmeister e maestro di Beethoven sino al 1794, gradualmente le sue musiche scompaiano e scompaia il suo nome dalla storia della musica” (Giuliano Dal Mas. Luchesi, vittima di una truffa)

Notizie correlate

I musicologi Luca Bianchini e Anna Trombetta si sono occupati di Mozart scrivendo una biografia critica Mozart la caduta degli dei che approfondisce l’argomento. Nel secondo volume s’affronta il problema della morte di Mozart [….]

Nuovo: è appena uscito il volume Mozart il Flauto magico di Bianchini e Trombetta, novità editoriale []

 

Radio Vaticana ha trasmesso la seconda puntata su Mozart e il classicismo viennese

Radio Vaticana

domenica 25 settembre 2016 Radio Vaticana ha trasmesso alle 14.20 la seconda puntata su Mozart e il classicismo viennese che ha visto come protagonisti i musicologi lombardi Luca Bianchini e Anna Trombetta.

Gli studiosi sono stati invitati al programma intitolato L’Arpeggio di Luigi Picardi per parlare del loro libro “Mozart la caduta degli dei”.