Il meraviglioso mondo della #musicologia

Il meraviglioso mondo della #musicologia

 
La musicologia tedesca riscoprì Mozart come mai nessuno aveva fatto prima, prendendo spunto addirittura da un quadro, e catalogando il foglio dipinto come una sua composizione. È il ritratto di Wolfgang ai tempi del primo viaggio in Italia. Il fanciullo è seduto al cembalo e sul leggio sta in bella mostra uno spartito, ma non è detto che le note siano le sue. Mozart però stava lì nei paraggi e la musica somigliava a una Sonata. Tanto bastò ad attribuirgli la composizione. I Mozart erano passati per Verona. Se fossero vissuti più tardi, e qualcuno li avesse ritratti a Bayreuth, la musicologia tedesca avrebbe potuto attribuire a Wolfgang, al posto della Sonata, un pezzo del Parsifal.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *